NOI E IL “CORONAVIRUS”

Non solo politici, ma anche cittadini, Realtà Popolare interviene non di certo per dare consigli, ma confronto individuale in cui si concentra l’attendibilità del territorio in cui si vive. Cosa sta succedendo in Italia e alla sua gente, sono davvero spaventati o solo gli ipocondriaci vivono male questo momento particolare. Siamo uniti o è tornato a perversare il solito e desueto regionalismo, divario tra Nord e Sud.

Piemonte (Asti)

Sara Elisabetta Andreacchio di RP Responsabile della Provincia di Asti

“La situazione del COVID-19 è stata gestita male, nel peggior modo possibile, il naufragio comunicativo e l’inabissamento economico fanno di questo governo il primato tra i peggiori mai visti nella storia della Nazione. Ripercorriamo i fatti per come sono stati intesi e spiegati velocemente. Il coronavirus è un problema cinese, come Ministro degli Esteri siamo rappresentati da Di Maio e quindi direi che la sua opinione è già opinabile in sé. Le nostre strutture sanitarie sono peggiori al mondo, non temete a breve verranno additate per inefficienza.

Chiudiamo tutto ciò che funziona, è pandemia?

No, si, forse.

Stabilire una linearità causa-effetto è sempre un arbitrio, è come decidere come inizia un cerchio. La linea politica che si sta seguendo è esattamente quel cerchio. Non posso far altro che dire è tutto osceno e sbagliato, volgare e violento. L’unica cosa che sovrana l’Italia è questo Presidente con poco merito ma tanto metodo.

Chiudo ricordando un pensiero di Antonio Gramsci.

Sono pessimista con l’intelligenza, ma ottimista per la volontà”

Liguria (Sanremo)

Enrica Pavoli Responsabile di RP della Provincia di Imperia

“I nostri politici hanno innescato vero terrorismo, se la sono presa comodo sapendo del coronavirus in Cina già a dicembre, si dice addirittura che era già attiva da ottobre a sentire alcuni scienziati, hanno chiuso i voli settimanali da e per la Cina, soltanto il 23 gennaio. Adesso saltano fuori con il paziente zero. Basta guardarci intorno cosa sta accadendo, la via centrale di Sanremo semideserta, la tristezza dei commercianti, il disagio dei bar e ristoranti semivuoti, i supermercati saccheggiati  di tutti i disinfettanti, e non se ne può più delle line guida che ogni giorno ci propinano. Decidetevi, ci state privando di tutto e poi ci dite che i musei devono restare aperti, gli stadio a porte chiuse, i metrò delle città aperte, le scuole non si sa ancora  se aprire o posticipare. La gente è confusa, ma anche spaventata dall’incertezza politica. Io comunque continuo a fare le cose che ho sempre fatto evitando luoghi troppo affollati, seguo le indicazioni soprattutto quella di lavarci spesso le mani”.

Maria Grazia Regis di RP Responsabile della Liguria

“Quello che ho visto in questi ultimi giorni mi ha davvero confuso, soprattutto l’egoismo delle tante persone che hanno pensato solo alle loro di necessità, senza curarsi degli altri e delle persone sole. Hanno preso d’assalto farmacie e supermercati, si sono accaparrati di tutto, oltre i generi alimentari, alcool, candeggina e le fatidiche mascherine di protezione dal virus. Prezzi lievitati grazie ai furbi, senza tralasciare gli sciacalli, in Liguria travestiti da finti medici con la scusa del tampone rubavano ai poveri e ingenui anziani. Pandemia umana senza dignità, più devastante di un virus. La comunicazione televisiva non è stata d’ aiuto anzi ha messo ogni giorno carne sul fuoco, TV spazzatura con opinionisti assurdi. Virologi, medici non sempre d’accordo e chiari. Parlano dell’eccellenza dei nostri ricercatori, la scienza è al servizio della società, ma non si attenziona lo scarso stipendio e molti ci scivolano tra le mani andando all’estero. Tutto spregevole, politici che vantano lo Spallanzani di Roma e denigrano l’Ospedale di Codogno, dei suoi medici che lavorano anche loro attivamente, ma qualcuno ha osato dire che hanno sbagliato. Un altro grave errore dei nostri governanti è quello di tenere  i porti aperti per gli immigrati, abbiamo una situazione sanitaria compromessa, paura sulle ripercussioni economiche. L’Italia ancora una volta viene additata dal mondo intero, collasso per il turismo pasquale, compromesso quello estivo”.

Si dice che la forza la troviamo in noi stessi, nessuno ce la può dare. Nord e sud non esiste, siamo italiani. Insieme per combattere il virus.

Lombardia (Cambiago)

Ernesto Maurizio Fumagalli di RP Responsabile Milano Nord-Est.

“Da me è tutto normale tranne le chiusure delle scuole e dei bar dopo le 18.00, oltre all’accesso degli uffici pubblici come da ordinanza regionale. Le aziende  in cui opero per la manutenzione lavorano tutte e, non ho visto nessuno con le mascherine, io compreso. Giorni fa sono andato al ristorante, nessun problema tutto tranquillo. Mi sono recato all’ospedale per un esame del sangue, nessun controllo, nessuna mascherina, nessuna preoccupazione tra i presenti. I supermercati della zona hanno tutti gli scaffali pieni e sono riforniti come sempre dei prodotti di prima necessità. Ho notato in questi giorni l’aumento del numero dei camion in circolazione provenire da ogni parte d’Europa sull’autostrada A4. Purtroppo l’informazione sensazionalista di regime ha scatenato il panico e la caccia all’untore e gravi danni al Paese che, il popolo pagherà come sempre”.

Roma Capitale

Villa Lucia Carlotta di RP Responsabile del Dipartimento Nazionale per le Politiche della D,isabilità, Disagio e del Welfare.

“Purtroppo difronte a queste situazioni di incertezza, si evidenzia il lato oscuro della società e delle persone. Il Presidente del Consiglio dice di stare tranquilli, lavatevi solo le mani e in tre giorni moltiplicano i contagiati e il numero dei decessi, si è creata una situazione di forte insicurezza. Hanno bloccato i voli dalla Cina e non i voli indiretti, come ad esempio da Dubai e quindi sono entrati senza nessun controllo. Ordinanze per la scuola, annullare gite e spettacoli, ma scuole aperte. Se non si tratta di gite scolastiche, non si annullano le date per i concerti in sale con grandissima capienza. Gli scaffali dei supermercati sono stati svuotati, ristoranti quasi vuoti. Gli esercizi dei cinesi interrotti. Manca una linea guida e le persone si schierano in due fazioni: quelli che dicono “è solo influenza” e quelli invece che si rendono conto della situazione e cercano di proteggere se stessi e gli altri. Presso il Palazzo delle Poste Italiane 4.500 dipendenti, tra cui mia sorella dirigente del comparto – Risorse Umane – per quanto riguarda le Normative,  hanno installato all’ingresso uno scanner che misura la temperatura corporea e impedito gli ingressi di esterni. Altre aziende non applicano nessun controllo. Le perdite economiche saranno devastanti, causa la mal gestione di informazioni. Le persone che parlano dei morti semplificano: “non importa, erano vecchi e malati” .  Io, avrei stabilito norme chiare e valide per tutti, senza lasciare spazio a interpretazioni. Il problema è la mancanza di rispetto, la chiusura delle menti.

Portiamo avanti insieme con il Nostro Movimento, per una rivoluzione umana della società e delle persone, non si può più aspettare!”

Tiziana Roma di RP Responsabile Giustizia Ufficicio – Legale

” A Roma il traffico non è diminuito , le zone turistiche al momento non ne risentono. Mi reputo una persona fatalista, si può morire di tutto. Ieri un medico presso cui ero andata per una visita ha detto che questa storia del coronavirus è una follia! Mi dice: “Ma lei sa quanti ne muoiono per influenza???”. All’inizio ero nel panico, evito di parlarne, di guardare i social che sono dannosi, seguo solo i telegiornali”.

Fiorella Virgilio di RP Responsabile del Dipartimento Cultura ed Eventi della Regione Lazio e Città Roma Capitale.

“Ho sentito la gente esprimersi esattamente come dice Tiziana Roma. Purtroppo, nonostante le persone morte si dice che l’unica vera vittima del coronavirus è l’economia…”

Maria Teresa Baldini (Fdi) indossa una mascherina protettiva, in aula della Camera durante la discussione generale sul decreto-legge 30 dicembre 2019, recante modifiche urgenti alla disciplina delle intercettazioni, Roma, 24 febbraio 2020. Secondo Voi dobbiamo preoccuparci?

Ringrazio tutti coloro che hanno collaborato ad esprimere il loro pensiero, ho inserito quelli che comunque sono stati significativi in quanto più o meno la pensiamo allo stesso modo. Realtà Popolare è a disposizione di tutti per qualsiasi consiglio, l’appoggio morale non manca.

(Ufficio Stampa Maria Grazia Regis)