QUANDO GLI ANIMALI FANNO COMODO E DIVENTANO PRETESTO. L’ON. BRAMBILLA CON IL SUO MOVIMENTO ANIMALISTA SI PRESENTA ALL’EUROPEE E ATTACCA LA CACCIA.


Amo gli animali, ma sono coerente, non sono vegana, mangio carne, uso scarpe e borse di pelle. Un vero animalista è il contrario di me, rispetta gli animali fino in fondo e si muove diversamente, non per fare politica ma per salvarli nel vero senso della parola. Ed io mi inchino difronte a questa categoria di persone, in cui il vero ideale traspira dalle buone azioni non decantate e nemmeno urlate con tanto di banchetti e firme, bisogna entrare nei mattatoi, nelle industrie della carne: dai polli, maiali, equina, manzi, vitelli, agnelli… per capire il senso animale. Non credo nelle  persone che urlano l’amore per gli animali, si mettono in posa con i cani in braccio (di razza) a fianco di uomini potenti, fondano un partito e diventano paladine a mio avviso del nulla, ma solo business politico.

(M.G.Regis)

Fabiola Bruzzesi Coordinatrice della Regione Marche, Responsabile Territoriale delle Associazioni Venatorie di Realtà Popolare a qualcosa da dire all’On. Brambilla.

(Fabiola Bruzzesi)

“Tu che vieni da Miss Italia, da una famiglia di quattro generazioni che lavorano l’acciaio, e poi che strano, fallita misteriosamente. Tu che sei saltata da un programma televisivo all’altro e commerci pesce surgelato, forse non ti rendi conto ma anche loro appartengono al mondo animale. Tu che quand’eri neo Ministro al turismo, a Lecco facesti il saluto romano mentre passavano le frecce tricolore. Tu che un giorno capisti che ti avrebbero dimenticata tutti e abbracciasti quel povero “DUDU” e ti professasti la Giovanna D’Arco degli animali. Tu che non sapresti distinguere una Tordela da una Cesena, e non hai mai passeggiato all’alba per i campi sporcandoti di fango e né stata a tavola con dei cacciatori.

Tu che non hai mai amato un cacciatore. Chi sei Tu per dichiararci assassini e metterci tutti sul patibolo, perché uccidiamo selvaggina che tu stessa hai dichiarato “BENE INDISPONIBILE DELLO STATO” che lo Stato stesso ci da la possibilità di abbattere?

Sei forse Tu superiore allo Stato ed imporre ad esso la tua quanto mai insulsa richiesta di istituire il reato di omicidio di caccia o di abolirla addirittura?

Penso che Tu Onorevole stia cavalcando l’onda delle Europee di primavera, per te e i tuoi seguaci pseudo animalisti è l’ultima possibilità per andare a dettare legge. Vi fate forza di quei “quattro cacciatori deceduti” e qualche uccellino ucciso di troppo e sventolate la cosa come fossero dei serial Killer, pronti ad entrare in guerra ogni mattina con dei mitra stile Rambo, come poi ci definisci, e mentre abbracciate i vostri cagnolini mangiate la frittura di calamari. Ma quelli non sono esseri viventi? Hanno un cervello e terminazioni nervose come tutti gli altri animali, tranne che per qualche altro essere umano a quanto pare!!!!!!!!!

Una cosa mi domando dato che difendi a spada tratta la selvaggina, perché non te la prendi anche con i macellai e con chi a Ferragosto fa le grigliate o a Natale mangia cappone e tortellini.

Cosa ti hanno fatto di male gli altri animali?

ll piccolo maialino che diventa porchetta e salsicce; il vitello a fette, la fiorentina con l’osso, la scottona, il tacchino farcito con i funghi. Haime! Purtroppo per Te sono animali di serie B, non fanno notizia, i cacciatori si.

SEI razzista a pare mio, ecco cosa SEI, gli animali o si difendono tutti o niente”.

L’On. Brambilla il 28/11/2018 è stata intervistata da – Radio RTL 205 – la domanda impertinente: “Se chiudono la caccia come pensate di contenere i cinghiali che stanno invadendo Roma e altre citta?”. 

“Tu non hai saputo rispondere, hai tergiversato, perché ne Tu, ne altre associazioni animaliste non lo sapete, siete vuoti di conoscenza. Voi non avete un piano per il dopo chiusura caccia. Voi attaccate i cacciatori senza sapere a cosa la Nazione andrà incontro. Cinghiali, lupi, volpi… vi chiederanno da mangiare davanti casa, vipere che strisciano tra le altalene, stormi di uccelli che svolazzano come nel film “Uccelli” di Hitchock, riempiendo di cacche le vostre auto appena lavate. All’inizio saranno belli tutti quei cuccioletti che girano per le vie, magari qualcuno cercherà anche di addomesticarlo, ma poi si riprodurranno, avranno fame, non sono vegetariani, mangeranno qualche bambino o animale domestico, cane , gatto.

Farete come Trump con i Messicani, delle recinzioni intorno a Roma?

Vi pentirete di avere fatto chiudere la caccia. Ma sarà troppo, troppo tardi e forse quei cattivi cacciatori non vi aiuteranno”.

(Maria Grazia Regis)

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: