REALTA’ POPOLARE. UNITI SI PUO’ DARE DI PIU’.


Non sono i numeri che determina la forza di un partito politico, ma la capacità che ogni singolo individuo all’interno di un movimento, porta avanti le sue battaglie nel proprio territorio e noi di Realtà Popolare non ci tiriamo indietro. Coordinatori Provinciali, Regionali, Responsabili, Dirigenti e Militanti uniti per monitorare il territorio di appartenenza, denunciando attraverso petizioni i Comuni o le Regioni. Non sottovalutiamo le incomprensioni tra cittadini e amministrazioni, proprio da loro si riesce ad attingere i punti nevralgici e sofferenti, in cui ogni giorno siamo tutti protagonisti in quanto cittadini. I Coordinatori  di Provincia e Regione, sono attenti e non guardano soltanto le zone privilegiate ma si addentrano nelle periferie, senza sottovalutare l’entroterra. La mancanza di piccoli presidi di soccorso di primo intervento, Paesi lasciati nel dimenticatoio e presi in considerazione durante la campagna elettorale. Le strade provinciali e comunali, gli argini dei fiumi, da rivedere il piano regolatore. Stabilimenti abbandonati lungo tutto il territorio Nazionale. La campagna con la sua agricoltura in certe parti in stato di abbandono, causa la politica errata da parte del Ministro dell’agricoltura. L’imprenditoria punto nevralgico di un economia sovraccaricata da tasse. Scuole fatiscenti. Sicurezza, senza dimenticare i pompieri, forestale in alcuni luoghi carente in altri in eccesso, poco tutelati e sottopagati. Strutture dalle autostrade, centri sportivi, agli ospedali, iniziate e mai finite … Tutti i partiti politici mettono sul piatto un buon programma, ma quante di queste promesse saranno attivate? Gli italiani non si aspettano nulla, ma se tutto ciò non da riscontro al voto del popolo, sono sicura che questa volta non abbasseranno più la testa per dire sempre di si. L’Italia della vergogna e dell’egoismo individuale, senza una vera coscienza in cui l’uomo non venga soggiogato dai forti poteri della politica. Il dovere di Realtà Popolare è quello di non avere paura di denunciare qualsiasi tipo di realtà che denigra l’uomo e il territorio. Oggi non abbiamo più tempo per assistere in silenzio, schiaffeggiati continuamente dai propulsori della propaganda politica, in cui in questi casi nessuno fa un passo indietro.

(Maria Grazia Regis)

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: